I.P.S.I.A. Enrico Bernardi
Padova

FAQ PCTO AZIENDE

Per molti dei contenuti di queste FAQ si può fare riferimento al seguente link http://www.istruzione.it/alternanza/index.shtml

1. Cosa deve fare un'azienda se vuole proporsi per percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (PCTO ex ASL)?

Tutti gli enti pubblici e le imprese private possono offrire percorsi di ASL ad una scuola. Un primo passo può essere iscriversi a http://scuolalavoro.registroimprese.it/rasl/home . Tuttavia l’offerente può direttamente scrivere o parlare con il Dirigente scolastico o il referente PCTO della scuola.

2. Che cosa è il progetto formativo?

Il progetto formativo è uno dei documenti più importanti per l’avvio dello stage e contiene i dati anagrafici della scuola, i contatti dell’azienda, le finalità e gli obiettivi, il numero degli studenti coinvolti, i nomi del tutor esterno ed interno alla scuola, l’articolazione del percorso di stage, le competenze da raggiungere.

3. Quali sono i riferimenti normativi per i PCTO?

La legge che regola i PCTO è la legge 107/2015, cui si aggiungono le linee guida DM 774 del 4 settembre 2019. Per la sicurezza in ambiente di lavoro (incidenti durante lo stage) si fa riferimento alla circolare 44 del 21/11/16 e legge 657/1996, legge ex 626 o 81/2008.

4. Quali sono i contenuti della convenzione?

La convenzione contiene l’anagrafica della scuola e della struttura ospitante e le indicazioni riguardanti lo stage

5. Chi deve compilare la scheda di valutazione rischi?

La scheda di valutazione dei rischi va compilata a cura del RSSP (responsabile aziendale della sicurezza) dell’azienda.

6. Chi fa la compilazione di valutazione dello studente?

La valutazione dello studente al termine dello stage è fatta dal tutor aziendale (esterno), che può avvalersi dell’aiuto del tutor scolastico (interno).

7. Quali sono i documenti necessari per avviare lo stage?

I documenti sono:

  • il patto formativo a cura dello studente,

  • la convenzione, il progetto formativo a cura della scuola e dell’azienda,

  • la scheda di valutazione dei rischi a cura del RSSP,

  • la valutazione dello studente a cura del tutor aziendale (con eventuale collaborazione del tutor interno),

  • la scelta del tutor scolastico a cura della scuola,

  • l’autovalutazione dello stage a cura dello studente,

  • il diario di bordo a cura dello studente

  • la relazione finale da parte dello studente.

8. La mia azienda deve essere iscritta al registro delle imprese (sezione: scuola-lavoro) per accogliere studenti nei PCTO?

L’iscrizione al registro nazionale dell’alternanza scuola lavoro non è obbligatorio, ma aiuta la scuola a trovare e scegliere l’azienda con cui intraprendere il percorso. Si indica il link del portale relativo. https://scuolalavoro.registroimprese.it/rasl/home.

L’offerente può direttamente scrivere o parlare con il Dirigente scolastico o il referente PCTO della scuola.

9. Il tutor aziendale è obbligato a dare una formazione/informazione sulla sicurezza in azienda allo studente all'inizio dello stage?

I percorsi di Alternanza scuola-lavoro prevedono obbligatoriamente una formazione generale in materia di “ Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro” ai sensi del D. Lgs n. 81/08 s.m.i.. La scuola svolge tale formazione, a cura del proprio RSPP. L’azienda deve svolgere, se serve, una formazione nella parte specifica del rischio a cui si è esposti lavorando nell’azienda dove si svolge lo stage.

10. Lo studente in PCTO può assentarsi?

Sì, previa comunicazione e giustificazione all’azienda, lo studente può fare fino ad un massimo del 25% delle ore totali previste dal percorso.

11. Dove vengono registrate le presenze e le assenze?

Lo studente compilando il diario di bordo nel registro elettronico indica la giornata di assenza. Ogni giorno, e comunque al termine dello stage, il tutor aziendale e/o il tutor scolastico vista le pagine del diario di bordo confermando in questo modo le ore di assenza e presenza.

12. Come faccio ad accedere al registro elettronico?

Una volta accettato lo studente in stage, il tutor scolastico provvederà a generare l’account per l’azienda che arriverà via mail e conterrà username e password per accedere alla pagine dello studente abbinato.

13. Chi va informato se lo studente fa assenze prolungate?

In caso di assenze prolungate va avvertito in prima persona il tutor aziendale e in secondo luogo il tutor scolastico.

14. E' prevista un'assicurazione contro rischi e infortuni per le attività di stage?

Lo studente usufruisce delle seguenti polizze assicurative:

  • Infortuni sul lavoro INAIL: posizione assolta (studenti di scuola statale) nella forma speciale di gestione per conto dello Stato (artt. 127 e 190 DPR 1124/65 e Regolamento D.M. 10/10/1985).

  • Responsabilità civile: compagnia assicuratrice AMBIENTE SCUOLA srl di Milano polizza n. FW 2016/362

15. Lo studente ha diritto ad una retribuzione?

Non è prevista nessuna retribuzione, anzi è vietato retribuire lo studente.

16. Quali sono gli orari dello stage?

Non ci sono orari predefiniti; ogni azienda, nel momento in cui viene contattata e si rende disponibile ad accogliere uno studente in stage, fornisce gli orari di lavoro come indicati dall’azienda all’Ispettorato del Lavoro. Non sono ammessi stage oltre le ore 23.00 e prima delle ore 8.00

17. Quali sono i contatti con la scuola?

I contatti con il referente per i PCTO sono n.telefono 049755233, mail bernardi@ipsiabernardi.gov.it.

18. Quanti studenti posso accogliere contemporaneamente?

Il numero di studenti ammessi in una struttura è determinato in funzione delle effettive capacità strutturali, tecnologiche e organizzative della struttura ospitante e in ragione della richiamata tipologia di rischio, con una proporzione numerica studenti/tutor della struttura ospitante:

  • non superiore al rapporto di 5 a 1 per attività a rischio alto;

  • non superiore al rapporto di 8 a 1 per attività a rischio medio;

  • non superiore al rapporto di 12 a 1 per attività a rischio basso.

19. Se la mia azienda è formata solo dal titolare senza dipendenti, quali documentazioni devo avere per accogliere studenti in stage?

Bisogna essere in regola con la normativa sulla sicurezza: il titolare deve aver svolto le ore di sicurezza relative al rischio generico, al rischio specifico e al primo soccorso. Si deve dotare del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).


Pubblicata il 26 novembre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.